LPI lancia l’esame “Virtualizzazione ed alta affidabilità”

LPI è lieta di annunciare il lancio dell’esame di specializzazione “Virtualizzazione e alta affidabilità” per il programma di certificazione LPIC-3. L’esame LPI-304 è il terzo disponibile di tipo “elective” per i professionisti Linux interessati al livello enterprise del programma di certificazione LPIC-3.
A causa della forte domanda per questo esame LPI saranno organizate due nuove sessioni laboratoriali d’esame in agosto:

  • FrOSCon 5 (Sankt Augustin, Germania)
  • LinuxCon, Brazil (São Paulo, Brasile).

Jim Lacey, presidente e CEO di LPI è sicuro che “le tecnologie coperte da questo esame LPIC-3 sono componenti integrali del cloud computing. I fornitori di soluzioni professionali alla ricerca di competenze per l’area della virtualizzazione ed alta affidabilità a livello enterprise hanno ora a disposizione un programma di certificazione Linux fornito da un’organizzazione neutrale capace di misurare con precisione il livello di competenze necessarie”.

Il programma di certificazione LPIC-3 consiste di un singolo corposo esame (LPI-301) capace di verificare le competenze sull’autenticazione, risoluzione dei problemi, integrazione di rete e pianificazione delle capacità.
Questo tipo di certificazione può essere integrata da moduli specializzati in “Ambienti misti” (LPI-302), “Sicurezza” (LPI-303) ed ora anche da “Virtualizzazione ed alta affidabilità” (LPI-304).
Ulteriori moduli supplementari sono previsti in futuro per “Web ed Internet” e “Posta elettronica e messanging”.
Informazioni dettagliate sul programma LPIC-3, obiettivi d’esame, compiti ed esempi di domande
possono essere reperiti su http://www.lpi.org/lpic-3.
Lo sviluppo dell’esame per LPI-304 “Virtualizzazione ed alta affidabilità” deriva da una consultazione estesa al mondo dell’industria, una ricerca analitica globale fra i professionsiti dell’IT e da un centinaio di esami beta svolti durante una serie di eventi speciali tenutisi in tutto il mondo; questi esami “beta” furono offerti per qualificare professionisti dell’Information Technology al fine di stabilire i dati psicometrici necessari per assicurare domande ed obiettivi d’esame rilevanti e di alta qualità.

Ralf Spenneberg (Steinfurt, Germania), Takeshi Ito (Yokohama, Giappone) e Fabian Thorns (Karlsruhe, Germania) tutti detentori della certificazione LPIC-3 furono i primi partecipanti a passare con successo la beta dell’esame LPI-304 “Virtualizzazione ed alta affidabilità” e guadagnare così quel nuovo livello di certificazione professionale elettiva.

Ralph Spenneberg dell’Open Source Training afferma che
“l’esame LPI-304, come altri esami del programma di certificazione LPIC-3, si concentra sull’uso professionale di Linux a livello aziendale. Virtualizzazione ed alta affidabilità sono argomenti attuali per molti centri d’elaborazione dati.
Questo esame richiede una conoscenza approfondita nelle suddette aree e prende in considerazione
tutti i più importanti prodotti open-source: XEN, KVM, OpenVZ, Pacemaker, OpenAIS, Red Hat Cluster, eccetera.

I professionisti Linux che ottengono la certificazione LPIC-3 e superano con successo l’esame specialistico LPI-304 dimostrano di conoscere le differenti alternative di questo settore e sono in grado di consigliare la soluzione più appropriata per qualsiasi applicazione”.

Le tecnologie coperte dall’esame LPI-304 includono virtualizzazione (Xen, KVM, OpenVZ, VirtualBox), bilanciamento di carico, gestione dei cluster e Cluster Storage.
Gli obiettivi degli esami LPI-304 sono reperibili su http://www.lpi.org/304

Risorse didattiche consigliate per la preparazione dell’esame sono disponibili su:
http://wiki.lpi.org/wiki/LPIC-3_304_Objectives#Reference_Material

L’esame LPI-304 exam è disponibile presso i centri di test Prometric e VUE in tutto il mondo.