Mercato lavoro Open Source: il boom

Secondo il report di Dice.com e The Linux Foundation c’è grande richiesta di talenti Open Source.

Qui l’articolo originale di Sharon Florentine, Senior Writer di cio.com.

mercato lavoro open source - geralt CC0 via Pixabay

La ricerca di talenti dell’Open Source è una delle priorità più impellenti nel 2016 per i manager delle risorse umane.

Secondo L’Open Source Jobs Report 2016  presentato da Dice.com e The Linux Foundation, il 65% dei manager di risorse umane afferma che la ricerca di professionalità Open Source crescerà più di qualsiasi altro comparto del proprio business nei prossimi sei mesi; il 79% ha aumentato gli incentivi mirati a trattenere le risorse già in organico.

Lo Open Source Jobs Survey and Report si è rivolto, nello scorso marzo, a circa quattrocento responsabili delle risorse umane in ambito IT e a oltre quattromilacinquecento professionisti impiegati in aziende IT.

Il report – come sottolineato da Bob Melk, presidente di Dice.com – analizza i trend per le carriere nell’Open Source, le motivazioni degli impiegati, e i modi in cui chi assume riesca ad attrarre e a mantenere “in scuderia” i talenti qualificati.

Melk ha dichiarato:

La richiesta di talenti Open Source è in crescita e le aziende hanno difficoltà a coprire i ruoli con professionisti esperti.

Il numero di offerte di lavoro postate sul nostro sito in questa categoria rimane costantemente alto, il che dimostra la carenza di personale con le skill richieste per i ruoli.

L’aumento dei salari dei professionisti Open Source conferma quanto le aziende considerino nevralgico attrarre, assumere e mantenere questi talenti.

L’offerta nel mercato lavoro Open Source

Secondo il report, per il 59% dei recruiter l’acquisizione di talenti Open Source è una delle priorità più importanti per il 2016, con costante aumento degli assunti nei prossimi sei mesi.

I più richiesti in assoluto sono i developer, secondo il 74% del campione.

Anche l’ambito DevOps è decisamente “caldo”, con il 58% che dichiara di ricercare personale in questo settore specifico.

OpenStack, CloudStack e altre tecnologie legate alla Cloud sono citate come area – focus dal 51%; il Networking dal 21%.

Jim Zemlin, executive director di The Linux Foundation, ha dichiarato:

Il numero sempre crescente di progetti Open Source richiede che i professionisti del settore aggiornino i propri skill in teoria e in pratica, includendo le specificità di DevOps e Networking. Con la trasformazione digitale delle imprese, esse hanno sempre più bisogno di codice e progetti Open Source, di talenti per l’integrazione con i servizi Cloud in backend, e la trasformazione delle soluzioni improntate sull’hardware verso una tecnologia “software defined”.

Attrarre e trattenere

Il report offre anche uno spaccato su come le aziende possano attrarre, e poi mantenere, i talenti Open Source di valore grazie a spinte motivazionali e incentivi.

Se i salari dei professionisti Open Source rimangono alti, cosa che vale per gran parte del settore IT, salario e vantaggi economici non sono, secondo i risultati del report, il motivo principale alla base della scelta professionale.

Solo il 2% dei professionisti Open Source interpellati mette l’aspetto economico al primo posto; invece, il 31% del campione mette al top il “lavorare su progetti interessanti”, il 18% “lavorare alle sfide estreme delle tecnologie più avanzate”, il 17% “collaborare con una community globale”.

Marie Louise van Deutekom, global head of HR di SUSE Linux, ha dichiarato:

Può essere impegnativo, ma abbiamo successo enfatizzando questi fattori tra i candidati.

Stiamo assumendo nei settori vendita, marketing, ingegneria, ricerca e sviluppo: la nostra portata mondiale e la nostra flessibilità ci rendono speciali, ci differenziano, come datori di lavoro, sul mercato.

I risultati del report sostengono la filosofia di SUSE di team globali, inter – culturali e inter – funzionali che consentono ai professionisti Open Source di lavorare a progetti collaborativi che contribuiscono tanto alla Open Source community quanto alla soluzione di problemi nel business.

Tra i modi in cui SUSE supporta i suoi impiegati e l’ambiente Open Source in generale è l’offerta di opportunità di lavoro remoto e flessibile, di workshops, occasioni di continuing education e hackathon per supportare al meglio la community stessa.

Stiamo assistendo all’aumento del numero di candidati che vogliono lavorare in un team globale come il nostro, contribuendo così alla community Open Source.

Sappiamo che l’Open Source può aiutare a risolvere molte sfide imprenditoriali, e abbiamo bisogno di talenti di massimo livello per riuscirci.

 

Una risposta a “Mercato lavoro Open Source: il boom”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *