Gianluca Varisco nel Digital Transformation Team

Forza Ragazzi!!! Qualche giorno fa un’ondata di messaggi di auguri ha riempito la mia bacheca di Facebook, superando in quantità e qualità quelli di Natale!

Gianluca VariscoGianluca Varisco aveva appena annunciato il suo nuovo lavoro: consulente speciale del Digital Transformation Team del Governo italiano per la Cybersecurity, team voluto da Matteo Renzi e capitanato da Diego Piacentini, il Commissario Straordinario pro bono per l’Agenda Digitale italiana in forza ad Amazon (è Senior Vice President per Amazon dell’International Consumer Business: “in aspettativa”, si direbbe in Italia, per assolvere il nuovo ruolo).

Ora, per molti di voi questa potrebbe non essere una notizia, e se è così è probabilmente perché non conoscete Gianluca.

Devo ammettere che, quando ho visto la storia professionale di Piacentini, un poco ci avevo sperato, avevo per qualche secondo pensato che forse, questa volta, avremmo avuto delle persone competenti ad affrontare quella sfida impossibile.

E poi, dopo un po’ di silenzio e qualche sospetto, ecco spuntare nel team Gianluca.

Hacking, impegno, e Digital Transformation Team

Gianluca Varisco, cresciuto magnando – tanto – Linux e OpenSource, tra hacking e impegno sociale (ha pure “regalato” il suo compleanno a una fantastica associazione, raccogliendo fondi invece che chiedendo regali), emigrato in Germania da Rocket Internet a occuparsi di security, sempre presente e pronto a dare una mano a tutta la comunità di nerd, linuxisti, e amanti delle cose fatte “come si dovrebbe”.

I suoi interventi negli infiniti eventi a cui partecipava (tanto da chiedersi se lo pagavano per fare PR in giro invece che per occuparsi di sicurezza) erano sempre un gustoso misto di competenza e capacità comunicativa: praticamente una bestia rarissima nel mondo dell’hacking.

Come si dice sui social, il suo maggior difetto è quello di essere astemio.

Giovanni BajoEcco, adesso posso dirvi che se quel team ha una qualche possibilità di far qualcosa di buono, e non oso sbilanciarmi, con Gianluca – ma anche Giovanni Bajo (esimio concittadino, vicino di banco in molti eventi), e molti altri di questa buona selezione, siamo in buone mani.

Forza Gianluca, Forza Giovanni, a voi e a tutti i vostri nuovi colleghi e colleghe (poche a dire il vero), da parte mia, e da quella piccola parte della Comunità Linux che qualche volta cerco di interpretare, un augurio di buon lavoro.

Daniele Cirio
Linux Professional Institute
www.lpi.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *